Milan, Reina: “Vogliamo riportare il club a lottare con le big. Sul Chelsea e su Higuain…”

Presentazione Reina al Milan: "Quando senti parlare di un club così si illuminano gli occhi. Il dualismo con Donnarumma non è un problema"

Milan intervista Reina

Giornata di presentazioni in casa Milan, con Pepe Reina che ha parlato in conferenza stampa subito dopo Ivan Strinic: “Il Milan sarà sempre una società speciale. Quando sei bambino hai il sogno di arrivare in una squadra del genere. Quando senti parlare di un club così si illuminano gli occhi. Sono onorato e felice di esserci, con la voglia di far crescere squadra e società. Vogliamo riportare il Milan a lottare con le big“.

Le dichiarazioni dell’ex estremo difensore del Napoli

Ho capito che la società ha una fiducia importante in me, è una scommessa. Voglio solamente ringraziarli e sarà con il mio lavoro e la mia professionalità che potrò ripagarla. Nella mia carriera ho dato sempre il massimo ed anche stavolta sarà così. La mia personalità è questa e non cambierà. Sarò pronto quando ci sarà bisogno di me“.

Leonardo e Maldini sono due leggende del calcio e non è facile sedere accanto a certe figure. Ho avuto la fortuna, mica tanto (ride, ndr) di perdere una finale di Champions League contro questi signori. Questa società ha una storia da onorare e rispettare“.

Il dualismo con Donnarumma? Per me è come è successo nelle squadre precedenti o in Nazionale. Do sempre il massimo per giocare la domenica ma poi bisogna rispettare le scelte del mister. Lo vogliamo tutti mettere in difficoltà ma le sue scelte saranno solo per la squadra”.

Higuain l’ho trovato motivato, con la voglia di far bene e dare una grande mano. Fisicamente è in ottima forma. Mi ha chiesto dove abitavo, e io gli ho detto di stare tranquillo che era già un sacco di tempo che ero qua! (ride, ndr). Non l’ho dovuto assolutamente convincere, ci aveva già pensato il Milan“.

Gattuso è un allenatore diretto, che crede in te nel 100%. È chiaro, frontale e a me le persone piacciono così. Mi auguro si possa giocare come a Napoli negli ultimi tre anni: è stato qualcosa di meraviglioso. Dobbiamo trovare automatismi e bel gioco”.

Non è mai esistita la possibilità di andare al Chelsea e non ci ho mai neanche pensato perché avevo già preso una decisione. Voglio affrontare questa sfida che sarà bellissima, per riportare in alto il Milan. A Sarri posso dire grazie per quanto ha fatto per me ed augurargli ogni bene“.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *