FOCUS TCN – Russia 2018, questo è il Mondiale dei difensori, lo dicono i numeri

Mondiale Russia 2018 gol difensori centrali: arma letale più degli attaccanti

Mondiale Russia 2018 gol difensori centrali (Umtiti)

Mondiale Russia 2018 gol difensori centrali: arma letale più degli attaccanti

Mondiale Russia 2018 verrà certamente ricordato per i gol dei difensori centrali. Oltre ad essere uno dei tornei più strani di sempre con tre outsider su quattro arrivate in semifinale, questa Coppa del Mondo verrà certamente ricordata per chi nel tabellino dei marcatori ci finisce di rado.

In proporzione i difensori centrali si sono dimostrati più incisivi rispetto alle punte e basta andare a vedere la Francia che ha appena conquistato la sua terza finale in assoluto Russia 2018, la Francia è la prima finalista del Mondiale. Il gol di Umtiti è solo l’ultima gemma preziosa di una lunga collana di gol realizzati secondo questa specialità: il colpo di testa. Anche durante i quarti di finale contro l’Uruguay, i ‘Bleus’ si sono serviti della zuccata di varane per sbloccare le danze.

Da Jerry Mina ai francesi goleador: il colpo di testa è garanzia

Stesso discorso vale anche per l’eliminato Belgio, dove Vertonghen si è reso protagonista nella rimonta con il Giappone. Anche le reti di Gimenez e soprattutto la tripletta del colombiano Jerry Mina hanno messo in risalto l’importanza dei difensori goleador. Senza dimenticare quello che probabilmente è il gol più bello del Mondiale, quello di Pavard al volo di destro contro l’Argentina. Anche l’Albiceleste, uscita malconcia da Russia 2018, avrebbe potuto terminare prima il percorso europeo se non fosse stato per il 2-1 di Rojo in extremis contro la Nigeria.

Insomma, mai come in questo Mondiale russo le realizzazioni dei centrali difensivi sono state così numerose e al tempo stesso necessarie per la vittoria. Domani, in Croazia-Inghilterra altri due difensori che hanno già centrato il tabellino in occasione dei quarti: Vida e Maguire. Il Mondiale delle sorprese sta per finire, e chissà che la coppa non venga sollevata proprio grazie ad una testata vincente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *