Fiorentina-Atalanta, dure proteste degli orobici: “Tutto preparato dai dirigenti viola”

Fiorentina Atalanta proteste rigore Chiesa Percassi Gasperini - Feroci proteste dei dirigenti nerazzuri dopo il ko con la Fiorentina

Percassi su rigore Bastos: "Hanno mandato in fumo il lavoro di anni"

C’è grande rabbia in casa Atalanta per il rigore concesso alla Fiorentina per un presunto fallo su Chiesa. Al termine della partita del “Franchi” i tesserati bergamaschi non hanno perso occasione per ribadire il loro malcontento nei confronti della scelta presa dall’arbitro Valeri.

L’ad dell’Atalanta, Luca Percassi, ha dichiarato: “Avrei preferito intervenire in un altro momento, ma oggi mi sembra il minimo. Quello che si è visto oggi è un episodio molto grave. Gli arbitri possono sbagliare e in sette partite non abbiamo commentato, adottiamo la filosofia del silenzio. Errare umano, ma dopo l’episodio di oggi non possiamo stare zitti, soprattutto perché certe cose lasciano l’amaro in bocca per come è andata la partita e in un episodio così determinante non si sia avuto neanche il tempo di andare a consultare il Var.

 Questo avviene dopo una settimana in cui tutta la dirigenza della Fiorentina ha preparato quanto accaduto oggi, sembrava che al minimo errore si dovesse compensare qualcosa. Il mister e la squadra stanno lavorando bene, nella mia posizione non si può non parlare.”

Le parole di Gasperini

“Penso che la partita sia stata condizionata dall’episodio del rigore, la Fiorentina ha fatto sua la gara con quello. Siamo andati parecchie volte vicini al gol. Penso sia più colpa mia che di Pioli. Nel salutarci ho detto a lui che non c’era il rigore a Milano così come non c’era quello di oggi. Nel farlo, a fine partita si usano anche toni un po’ diversi. E’ un rigore inconcepibile per l’era moderna, con tutte queste telecamere, è chiaramente una simulazione fatta da un ottimo giocatore. Chiesa ha l’abitudine di fare questi gesti e deve cominciare a pagarli invece di essere premiato”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *