Inter, Bergomi: “Il capitano non deve solo portare il gagliardetto in campo”

Bergomi su Icardi e sulla decisione dell'Inter di togliergli la fascia di capitano dopo i contrasti sul rinnovo contrattuale

Bergomi fuori onda su Sky

Bergomi su Icardi – Intervistato da La Gazzetta dello Sport, l’ex difensore e capitano dell’Inter, Beppe Bergomi, ha parlato della vicenda Icardi che in queste ore tiene banco in casa nerazzurra.

Le parole di Bergomi su Icardi

“Essere capitano non significa entrare in campo per primi e scambiarsi i gagliardetti. Ma è dare l’esempio, ogni giorno, dentro e fuori dal campo, stando attenti anche alle piccole cose che poi sono quelle che fanno la differenza. È metterci la faccia sempre, quando le cose vanno bene e nei momenti di difficoltà.

Togliergli la fascia è stato un gesto molto forte, ma mi ritrovo nelle parole di Spalletti. È difficile prendere certe decisioni ma bisognava dare un segnale e tutelare squadra e società. Insomma, è come un padre che deve punire un figlio, lo fa per il suo bene, per fargli capire che sta sbagliando e per aiutarlo a crescere. L’Inter è stata spesso accusata di essere troppo “buonista”.

Stavolta ha preso una scelta coraggiosa, facendo capire a tutti che il bene del club e della squadra viene prima di qualunque cosa. Ed è giusto così. Sbagliare è umano, ma bisogna essere bravi a metterci la faccia e a chiedere scusa. Non è facile affrontare uno spogliatoio ma Mauro dovrà farlo. E il gruppo una volta chiarita la cosa non dovrà più portare rancore”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *