Juventus, Dybala: “Mourinho ha creato tensioni: doveva risparmiarsi quel gesto”

Dichiarazioni Dybala: a parlare a pochi giorni dal match è Paulo Dybala che presenta la sfida con i rossoneri con qualche stranezza di fondo...

Juventus intervista Dybala la maglia numero 10 Cristiano Ronaldo

Dichiarazioni Dybala: “Sarà strano ritrovare Higuain avversario”

Uscita sconfitto dall’appuntamento di Champions, la Juventus si prepara a quello che sarà un incontro molto delicato. Domenica sera i bianconeri saranno ospiti a San Siro per un match tutto da gustare. A tal proposito l’attaccante torinese Paulo Dybala ha così parlato ai microfoni di ‘Sky Sport 24’ della sfida contro il Milan di mister Gattuso: “Arriviamo bene a questa gara, tutte e due le squadre stanno facendo bene. Sicuramente sarà una bellissima partita, è sempre Milan-Juve e speriamo di fare una grande gara, portando punti a casa”.

Contro il Milan ritroverà Higuain:

“Ci siamo sentiti un paio di giorni fa. È una situazione strana: da avversario lo conoscevo, poi abbiamo giocato e vinto insieme, sarà strano ritrovarlo da avversario. Ognuno, ovviamente, difenderà la sua maglia. Non gli ho chiesto dell‘infortunio. Ci sentiamo spesso, anche con Douglas Costa: gli ho mandato un video, aspettiamo una risposta”.

Sul rapporto con Ronaldo:

“L’ho già detto in altre occasioni: ero curioso di vederlo dentro lo spogliatoio, in campo lo conosciamo tutti abbastanza bene. Ha dimostrato calma e professionalità per quello che rappresenta, è una grandissima persona e lo sta dimostrando ogni giorno. Ha un gran rapporto con tutti, è quello che mi aspettavo se non di più”.

Sul modus operandi di Allegri:

“Il mister ci ha dato un po’ di libertà di movimento, penso che così si possa fare anche più male all’avversario. Ronaldo parte a sinistra ma si muove tanto, infatti per esempio il mio gol di Manchester arriva da un suo cross fatto da destra. Mandzukic accentra molto, poi abbiamo anche altri ottimi giocatori in attacco. Il livello è alto”.

Sul gesto di Mourinho:

“Io gli ho detto soltanto che non c’era bisogno di farlo, per non creare più tensione di quanta non ci fosse. Anche noi come calciatori prendiamo tanti insulti, però rispondendo si crea più tensione. Io non l’ho insultato e non gli ho detto nulla di particolare, solo questo”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *