Sampdoria, Ferrero: “Cori razzisti? Mi dissocio. Sono quattro scappati di casa”

Cori Sampdoria Napoli Ferrero - "Sono quattro scappati di casa. I napoletani sono meravigliosi" queste le parole del presidente dei blucerchiati a seguito dei cori razzisti

Campeol alla Sampdoria dal Milan difensore classe 2000

Nella mixed zone dello Stadio Marassi, il presidente della Sampdoria Massimo Ferrero ha commentato i cori razzisti dei supporter doriani nei confronti del Napoli, che hanno portato alla sospensione della gara.

“La nostra è una tifoseria esemplare, chi fa certi gesti non appartiene al calcio. Il calcio è amore è passione in ogni città. La Samp è un’isola felice cosa c’entrano quattro scappati di casa con il calcio.
Sono dovuto scendere in campo per cercare di calmare la tifoseria e sono stato pure infamato”, queste le parole del presidente Massimo Ferrero.

Cori Sampdoria Napoli Ferrero: “Sono quattro scappati di casa”

Di tutt’altro avviso Marco Giampaolo che ha dichiarato: “Genova non è razzista. I cori sono figli del gemellaggio tra Genoa e Napoli, So potrebbero evitare ma fanno parte dei cori da stadio, Fuori accadono cose peggiori”. anche Vasco Regini ha parlato dei cori: “Ho provato a fermare i cori e a spiegare i rischi alla curva. La sospensione è stata giusta, questi cori non si devono più sentire”.

Cori che sono aumentati al gol del vantaggio di Arkadiusz Milik, che ha commentato: “Dopo il gol ho solo esultato e non volevo offendere nessuno. L’arbitro comunque ha fatto bene ad interrompere la gara”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *