Palermo, Tedino: “Zamparini? Il suo contributo è importante”

Conferenza stampa Tedino Zamparini Palermo - Il tecnico della squadra rosanero ha parlato della prossima sfida in campionato, ma anche del contributo del patron della società siciliana

Salernitana-Palermo parole Tedino sarà una battaglia ma sono ottimista

Bruno Tedino oggi in conferenza stampa ha presentato la prossima sfida in campionato. Il tecnico del Palermo ha però iniziato conl ringraziare il presidente Maurizio Zamparini. Queste le parole riportare da Tuttopaermo.net

“Zamparini è il proprietario e da contributo economico e di presenza. Siamo contenti che sia con noi, lui non mette pressione anzi ci aiuta. Noi siamo concentrati per la sfida di domani in casa contro la Cremonese. Zamparini non mi dice chi deve giocare, mi sento sempre con lui e discutiamo tranquillamente di tutto quello che succede. Al presidente l’ho detto: col Pescara abbiamo fatto una ‘cacata’, l’ho ammesso io per primo. Mi da fastidio quando si scrivono cose sbagliate”.

Conferenza stampa Tedino Zamparini Palermo: le parole del tecnico

“Sono uno che ha fatto cose positive, ma ha fatto anche degli errori, come è normale che sia, a me piace essere leale con il presidente del Palermo e con tutti i presidenti. Mi hanno dato fastidio certe illazioni perché quello che ha detto Zamparini è un concetto mio che lui ha amplificato. Poi quello che viene riportato all’esterno non mi interessa: voi giornalisti avete le vostre idee, si può discutere su tutto, io però ho lo la fortuna di vedere la squadra ogni giorno. Eppure qualche errore lo faccio. Tutti con me devono sentirsi titolari. Rajkovic forse non verrà convocato ed abbiamo qualche giocatore da valutare. Nestorovski? L’ho rivisto carico e convinto dei propri mezzi. Coronado sente la fiducia e rende il 110%”.

In chiusura al tecnico rosanero ha parlato anche della gara di andata e del giovane Lo Faso: “A Cremona, all’andata, fu uno spartiacque sulla questione tifoseria: abbiamo ricevuto un calore straordinario, ci incitava in maniera folle. Ma il vero spartiacque è stato Avellino. Domani sarà una gara difficile. Lo Faso? L’ho fatto convocare io in Nazionale, spero che diventi un grande giocatore e ne ha le potenzialità. Mi dispiace per l’infortunio e gli faccio un ‘in bocca al lupo’: tornerà ancora più forte”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *