Roma, De Rossi: “Appartengo ai tifosi, sarei stato una m***a a lasciarli”

Calciomercato Roma addio De Rossi intervista - Il capitano giallorosso parla del suo legame con la piazza romanista e del suo passato

Roma De Rossi intervista Champions Real Madrid

Intervistato da Il Romanista, il centrocampista della Roma Daniele De Rossi, ha parlato del suo passato e del suo futuro da capitano della compagine giallorossa.

Le parole di De Rossi

“Lasciare? Prima o poi. Non so ancora quando. Io ho già fatto una stagione del genere, come si dice“scadente’, ma nel senso col contratto in scadenza, ed è stata una delle mie stagioni migliori. Appena arrivato Monchi ho rinnovato, il giorno dopo l’addio di Totti. Non era neanche cosi tanto scontato quel rinnovo. pochi lo hanno capito. Non mi crea problemi la situazione.

Io mi sento una bandiera della Roma. Sai cosa significa? Significa che quando prendi una decisione, parli con un altro club che ti ha chiamato, e tutti ti dicono di lasciare, parlo anche di cosa è successo in passato, la bandiera della Roma in quel momento si rende conto di essere di proprietà della Roma, cioè non sono la maglia ”della” Roma.

La decisione non appartiene nemmeno più solo a te. Io mi sento proprietà dei tifosi della Roma. Della storia della Roma, come lo è stato Francesco, e non sei nemmeno più libero di scegliere per il tuo bene professionale, perché rappresenti qualcosa, rappresenti qualcuno. Faresti male ai tifosi della Roma. Ora non mi sentirei un infame a lasciare a 35 anni e andare a fare due anni in America: mi sarei sentito una merda ad andare via due anni fa in una squadra italiana”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *